Le Parole del Vento del Silenzio di Manu Luce

manu_luce-le_parole_del_vento_del_silenzio

Un racconto difficile da comprendere e lungo da finire, “Le parole del Vento del Silenzio” con i suoi quattordici brevissimi capitoli suddivisi in due parti di 114 pagine totali è un libro noioso e angosciante.
Pubblicato per la prima volta nel 2009 e terminato nel 2010 sulla piattaforma online EFP (sito di racconti) è stato poi reso cartaceo nel 2016 dalla stessa scrittrice che ha collaborato con un blog di wordpress per quanto riguarda la grafica del libro. Sull’autrice non viene specificata alcuna informazione se non la storia di come è nato il racconto stesso e i titoli degli altri libri da lei pubblicati.
Affrontando la trama veniamo catapultati in un mondo descritto dal punto di vista di una bambina di nome Allison (Lally) che cresce in famiglia venendo costantemente denigrata ed estraniata per i suoi problemi. Lally è capace di vedere e parlare con i morti, si sete in dovere di aiutare tutti i fantasmi che incontra e che sono anche gli unici amici che possiede in quanto tutte le altre persone la deridono per le sue stranezze. I genitori in costante lite con la figlia si rivolgono a psicologi e dottori per cercare una cura pensando erroneamente che Allison sia in cerca di attenzioni fingendo di avere amici immaginari mentre la realtà è che lei ha “un dono”. Tra una vicenda e l’altra Lally incontra Samuel, un ragazzino suo coetaneo di quasi quattordici anni legato al granaio della sua nuova casa, diventano amici inseparabili e nonostante il dovere di aiutare anche lui si senti triste all’idea di lasciarlo andare come ha fatto per tutti gli altri ma quello che non sa è che la storia non è finita lì.
Un lessico scialbo e una grammatica scorretta nelle sue forme hanno reso questo breve racconto infinito da terminare. Un argomentazione povera di significato con un costante utilizzo di frasi colloquiali hanno notevolmente impoverito il libro rendendo la storia infantile e deludente.
Personalmente sono rimasta sconvolta e disgustata dal racconto e mi piange il cuore nel doverlo definire “Libro” perché l’unica caratteristica capace di definirlo tale è la sua forma rettangolare e stampata. Un idea di base male organizzata che non segue alcuna logica o struttura grammaticale corretta della lingua italiana, estremi volgari della società di una vita surreale che tratta unicamente di fantasmi, nessun dettaglio o descrizione utile se non qualche frase buttata tra un argomento e l’altro senza un minimo collegamento tra essi. Ho trovato molto complicato finire la lettura che se fosse stata scritta da qualcuno di capace, probabilmente, sarebbe stata un’affascinante avventura da vivere.

Non ho parole al riguardo.
Dovrebbero impedire a certi nuovi autori di scrivere libri.

Non consiglio certo la lettura a meno che a qualcuno non venga in mente di prendere spunto da esso per una nuova trama di una storia ben scritta e argomentata capace di legare descrizioni di luoghi e sentimenti ad un contesto semi fantastico che comprenda dialoghi e avvenimenti di fatti.

Sono delusa.

Per comprare il libro da Amazon basta un click: Le parole del vento del silenzio prezzo di copertina €5,72

Condividi l’articolo su Facebook o Twitter per farlo conoscere a tutti i tuoi amici e ricordati di seguirmi qui sul Blog e sulla Pagina Facebook per restare sempre aggiornato! 

2 pensieri su “Le Parole del Vento del Silenzio di Manu Luce

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...