Una vita che fa paura

Venerdì 29 Giugno 2018

Sono sola, le mie coinquiline sono partite per tornare tutte a casa e io ascolto da due giorni il silenzio di queste pareti che mi sussurra. Sembra abbastanza inquietante eppure sto prendendo contatto con me stessa, finalmente mi sono rimessa a scrivere anche se nulla di quello che faccio sembra convincermi troppo e i miei pensieri galoppano troppo veloci perchè io riesca a comprenderli tutti.
Mi domando se davvero possa interessare a qualcuno oltre a me tutto quello che io sto battendo sulla tastiera del mio computer perchè ancora il terrore di arrivare alla fine di questo romano è immensa. continuo a pensare che mi sono fatta solo un miliardo di castelli in aria e in realtà nulla di quello che ho mai sperato si realizzerà davvero ma non sono troppo stupida per non provarci. Alle volte mi piacerebbe soltanto avere qualcuno accanto che mi dica: “Ehi tu, piantala di tergiversare e lavora che sei brava almeno in questo!” ma ancora non l’ho trovato.
Non so nemmeno io di cosa mi stia lamentando in realtà, forse è solo una terribile ansia da prestazione che mi divora da dentro in tutto questo silenzio.
Dovrei imparare a crederci di più nei miei sogni no?

Una vocina però continua a dirmi che più ci credi, più costruisci castelli in aria e più la caduta sarà dolorosa. Ala fine continuo a pensare “Chi sono io per farcela?“, se tutte le persone che credevano in me sono sparite, se tutti quei lettori non fossero altro che fantasmi di un passato che non esiste più e se io stessa fossi solo una presuntuosa ragazzina che vuole cambiare il mondo a modo suo?
So di non dovermi arrendere ancor prima di averci almeno provato, so che dopotutto potrebbe andare diversamente da quello che penso e anche da quello che spero ma tutto questo vale talmente tanto per me da levare il fiato. E’ un pochino come se mi avvicinassi ad ogni parola al giudizio universale, come se arrivando alla fine del mio libro dovessi essere giudicata dal mondo per quello che sono e non so quanto io si pronta a tutto questo!
Non riesco nemmeno più a capire se io sia capace di farlo.
Ogni volta che ci penso il terrore mi fa mancare il respiro nei polmoni e la bocca si asciuga, il cervello produce frasi senza senso e capisco di star iperventilando. Vorrei riuscirci talmente tanto da pretendere troppo persino da me stessa eppure è l’unica cosa che vorrei davvero nella vita. Ci sto provando a non arrendermi, a credere che sia soltanto una prova come tante altre, cerco di autoconvincermi che non sarebbe un dramma se fallissi ma non riesco a crederlo.

Se tutto quello che ho provato ad ottenere si rivelasse un buco nell’acqua, cosa ne resterebbe di me?

Potrei reggere davvero tutto questo?

Condividi l’articolo su Facebook o Twitter per farlo conoscere a tutti i tuoi amici e ricordati di seguirmi qui sul Blog e sulla Pagina Facebook per restare sempre aggiornato! 

3 pensieri su “Una vita che fa paura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...