Tokyo Station di Martin Cruz Smith

tokyo station.jpg

Il Libro

Il romanzo di natura storica è stato pubblicato dall’autore nel 2002 per la casa editrice Titanic Productions col titolo “December 6”, i diritti sono stati poi ceduta nello stesso anno alla Mondadori per la traduzione italiana a cui è stato assegnato il titolo di “Tokyo Station” curata da Renato Pera.

Per quanto le vicende possano sembrare fedeli alla decorrenza storica del periodo di seconda guerra mondiale, ogni fatto descritto è frutto dell’immaginazione dell’autore che è stato molto abile a far apparire tutto ben incastrato alla realtà dei fatti svoltosi lo scorso secolo.

L’autore

Martin Cruz Smith nasce nella città di Reading in Pennsylvania, in una famiglia di musicisti di jazz. Nel 1977 cambia legalmente il suo secondo nome William in Cruz, nome della nonna materna, dopo aver frequentato l’Università della Pennsylvania in cui si diploma nel 1964, Smith lavora come reporter al Filadelfia Daily News.

Il suo primo romanzo “The Indians Won” viene pubblicato nel 1970 ed affronta il problema delle minoranze degli indiani d’America, la sua seconda opera “I due cuori di Roman Grey” pubblicata l’anno successivo nel 1971 prosegue lungo questo filone. Ma solo nel 1981 con la pubblicazione di “Gorky Park” Smith ottiene il suo posto nel cuore di milioni di lettori trasformando la sua opera in un best seller anche per le inedite ambientazioni.

Curiosità

La stazione di Tokyo è una stazione sia ferroviaria che metropolitana, che si trova a Marunouchi – il distretto d’affari di Chiyoda – nei pressi del Palazzo Imperiale e del distretto commerciale di Ginza. È il terminal ferroviario principale di Tokyo e la stazione giapponese più frequentata per numero di treni al giorno.

Gran parte della stazione venne distrutto dai due bombardamenti dei B-29 il 25 maggio e il 25 giugno del 1945.

La trama

La storia tratta la vita di Harry Niles un uomo di origine americana che da piccolo finisce per trasferirsi coi genitori missionari in Giappone, sentendosi più orientale che occidentale frequenta la scuola con bambini nativi e decide di condurre una vita secondo la cultura del paese. Crescendo si trova a vergognarsi spesso della condotta dei propri genitori ed essendo sempre preso di mira per la sua natura di “gaijin” – letteralmente “persona estera” dotata di connotati dispregiativi –  capita che giocando ai “40 ronin” come bersaglio da perseguitare finisce all’interno di un teatro dove resta affascinato dalla vita che in esso si conduce. Da quel momento tutta l’esistenza di Harry cambia forma, viene preso sotto l’ala protettiva di Kato, un pittore addetto alla vendita di stampe di quadri realizzati su richiesta e ritraenti alcune attrici o prostitute; viene accolto nella vita di Oharu una bellissima attrice desiderata da molti per la sua bellezza e classe. Insieme all’amico Gen iniziano a frequentare il teatro per svolgere alcune commissioni e lentamente crescono insieme diventando uomini di una certa impronta.

Il destino però trasforma Harry in un abile mentitore, accusato di spionaggio e complottismo da parte sia del governo Americano che di quello Giapponese allo stesso tempo. Nella vita si trova a gestire un locale notturno “L’Happy Paris”, condivide il letto con Michiko – una bizzarra donna orientale tutta passionale e piena di misteri – ma anche con molte altre donne scatenando l’ira violenta e possessiva della compagna. Harry ha la fama per essere un mirabile truffatore, nella vita cerca in tutti i modi di trarre vantaggio dalle difficoltà altrui ma quando si rende conto che il passato sta tornando a chiedere un risarcimento le cose si complicano senza precedenti. In Giappone è ritornato il colonnello Ishigami che chiede di Niles per poter saldare con lui il debito di cinque teste.

In un turbinio di eventi che si legano allo scoppio del secondo conflitto mondiale, alla lotta al petrolio, alle discriminazioni razziali, ai totalitarismi e agli embarghi tra nazioni, la vita di Harry Niles sembra essere un tassello centrale per il funzionamento di un intero ecosistema. Grazie a contatti, informazioni e mirabili truffe messe in atto dallo stesso si scateneranno una serie di eventi che nessuno aveva previsto e che minacceranno profondamente la vita del protagonista e di tutte le persone a lui care.  In un botta e risposta costante tra passato e presente si andrà a definire la personalità di Harry, i motivi che lo hanno condotto ad una vita posta al confine tra ciò che si ritiene giusto e quello che invece si crede sbagliato definendo in colpi di scena il contesto entro cui si trova ad agire. Dove tutto sembra essere sottoposto un’attenta analisi del giocatore migliore ma che viene subita anche da colui che si crede il migliore. Ad ogni nuova scoperta si aggiungono persone adirate e bramose di vendetta di un uomo che pare far tutto nel modo sbagliato per chiunque ma che possiede un fortissimo potere persuasivo.

Opinione personale

Personalmente ho adorato la lettura, un romanzo di natura fortemente storica come piacciono a me, ambientata in Giappone – Paese che amo follemente – e dotato di fortissimi caratteri misteriosi. Un mix esplosivo che mi ha tenuta incollata alle pagine in un attenta analisi del suo contenuto. Tutto bellissimo, ma un finale che mi ha lasciata molto perplessa, totalmente inaspettato e dissociato dalla storia narrata per il corso delle pagine – direi quasi un flop.

Dopo essere stata col fiato sospeso per giorni in attesa di poter trovare il tempo per scoprire qualche macabro dettaglio relativo ai sotterfugi del protagonista in una lotta costante alla propria libertà e alla propria vita sono rimasta profondamente delusa dalla superficialità con cui si sono concluse le vicende. No mi aspettavo certo un finale tutto roseo e felice ma nemmeno una banalità del genere, dopo la descrizione approfondita della moltitudine di vendette gravanti sulla testa di Harry Niles mi sarei aspettata qualcosa di più.. più.. non so nemmeno io.

Mi rendo conto di star diventando sempre più esigente eppure non son soddisfatta nemmeno di questa lettura seppur fosse dotata di tutte le caratteristiche necessarie per dirsi un capolavoro. Sono certa che trasformato in un film potrebbe rivelarsi un grandissimo contenuto, soprattutto per l’impatto emotivo di certe vicende ma, in versione letteraria sono quasi convinta manchi di qualcosa.

Per acquistare il libro da Amazon basta un click: Tokyo Station versione a copertina rigida – prezzo di copertina €9,15 | versione a copertina flessibile – prezzo di copertina €9,89

Condividi l’articolo su Facebook o Twitter per farlo conoscere a tutti i tuoi amici e ricordati di seguirmi qui sul Blog e sulla Pagina Facebook per restare sempre aggiornato! 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...