Settimane Dedicate a Gli Incredibili di Brad Bird #3

incredibili

Chi è Brad Bird?

Nato a Kalispell il 24 settembre 1957 è regista, animatore, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense. Vincitore di due premi Oscar al miglior film d’animazione per “Gli Incredibili” e “Ratatouille” (di cui ho parlato in un precedente articolo qui), ha cominciato lavorando per le più importanti case di produzione del genere d’animazione fino al suo ingresso nella Pixar.

Definito una sorta di bambino prodigio, realizza il suo primo cortometraggio tra gli 11 ed i 13 anni riuscendo a farsi notare da Milt Kahl, uno dei più importanti animatori della Walt Disney Company, il quale comincia a dargli lezioni d’animazione all’età di 14 anni. Frequentò il California Institute of the Arts dove conobbe un suo compagno di corso, John Lasseter, il futuro cofondatore (insieme ad Ed Catmull e ad Alvy Ray Smith) della Pixar.

Brad Bird nel 1988 ha sposato l’assistente editor Elizabeth Canney, da cui ha avuto tre figli tra cui due, Nicholas e Michael, che come il padre lavorano anche loro nel cinema, entrambi come doppiatori. All’attivo ha innumerevoli produzioni di film e film d’animazione di successo tra cui si possono citare – oltre alle due produzioni sopracitate – alcune puntate de “I Simpson”, “Il gigante di ferro”, “Mission: Impossible – Protocollo fantasma” oppure “Tomorrowland – Il mondo di domani”.

Qualche curiosità sulle pellicole

Grazie ad alcuni riferimenti posti nel corso della storia è possibile collocare i fatti delle pellicole nella fine degli anni ’60.

Quando la DEVTech viene svelata per la prima volta sullo schermo, il cielo sembra simile a come viene ritratto il cielo di Gotham e mostrato nella maggior parte dei moderni film di Batman, e se si guarda a sinistra della torre più alta, si può vedere un debole bat-segnale formato dalle nuvole.

Gli incredibili 2 è il quarto film della Pixar ad avere una protagonista femminile dopo Ribelle: The Brave (2012), Inside Out (2015) e Alla ricerca di Dory (2016).

La casa prestata al Parr, si dice fosse di proprietà di un eccentrico miliardario che non amava essere visto andare e venire, e ha molti ingressi / uscite segrete. Questo è un cenno a Batman, e forse un suggerimento ad un eroe simile a Batman esistente nell’universo degli Incredibili.

imagesDurante due scene di Elastigirl, la vediamo imitare i trucchi usati nel film I Fantastici 4 (2005). La prima volta aprendo le serrature dell’appartamento del nascondiglio dell’Ipnotizzaschermi passando la mano sotto la porta. La seconda volta quando l’Ipnotizzaschermi ha intrappolato ElasticGirl in una camera dove ha congelato i suoi poteri “gommosi”, minacciando di “romperla” in mille pezzi. I membri della famiglia degli Incredibili mostrano diversi superpoteri simili ai Fantastici Quattro di Marvel: Bob ha un’enorme forza come la Cosa; Helen è elastica come Mr Fantastic; Violet può diventare invisibile come la Donna Invisibile, e Jack-Jack può prednere fuoco come la Torcia Umana (Dash è un’eccezione poiché mostra una velocità incredibile come il Quicksilver di X-Men). Anche molti degli altri supereroi visti più avanti nel film mostrano poteri descritti nei fumetti Marvel: Krushauer deforma il metallo come il Magneto di  X-Men; He-lectrix può scaricare elettricità, come Electro di Spider-Man; Brick è una forza inarrestabile che assomiglia a Fenomeno di X-Men; Screech – L’uomo Civetta possiede uno stridio acuto simile all’urlo della Banshee di X-Men, e Voyd può creare portali dimensionali come il Doctor Strange della Marvel.

Il personaggio di Edna è ispirato alla costumista di moltissime produzioni degli studios, Edith Head. È stata concepita da Brad Bird come un misto tra Q (l’inventore nei film di James Bond) e la famosissima costumista americana pluri-Oscar che, come Edna, la Head era bassissima, portava un paio di enormi occhiali ed i capelli a caschetto neri.

Sia il viso di Mister Incredibile che quello di Sindrome sono caricature del regista del film, Brad Bird.

Molte altre curiosità vengono trattate dal sito widemovie.it

Un film che ha smosso la critica

Alcune scene del film d’animazione, dopo la sua pubblicazione negli Stati Uniti, hanno portato scompiglio. A causa di sequenze di effetti lampeggianti e luci strobo usate dalle armi dell’antagonista – tra cui una scena con luce bianca strobo continuata per oltre 90 secondi della 2° pellicola, hanno causato crisi convulsive in spettatori affetti da epilessia fotosensibile, ma anche altri spettatori affetti da emicrania, vertigini, autismo, ADHD e PTSD hanno accusato malesseri come nausea e vomito.

A seguito del riscontro di alcuni episodi, la Disney ha diffuso nei cinema che proiettavano il film d’animazione un avviso che informava il pubblico della presenza di luci strobo.

Nel Regno Unito, le sequenze lampeggianti del film della lotta contro l’Ipnotizzaschermi sono state modificate dalla Disney, affinché il film passasse il Test di Harding, un test televisivo del Regno Unito, progettato al fine di impedire la trasmissione di programmi che possono nuocere agli affetti da epilessia fotosensibile.

Condividi l’articolo su Facebook o Twitter per farlo conoscere a tutti i tuoi amici e ricordati di seguirmi qui sul Blog e sulla Pagina Facebook per restare sempre aggiornato! 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...