Recensione: “Storia di un matrimonio” di Noah Baumbach

Il film

Prodotto con il titolo originale “Marriage Story” tra Stati Uniti e Inghilterra, è un film del 2019 scritto e diretto da Noah Baumbach per la Heyday Films. Presentato in anteprima il 29 agosto 2019 in concorso alla 76ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia mentre l’anteprima statunitense si è tenuta il 4 ottobre 2019 al New York Film Festival. Il film ha avuto una distribuzione limitata nelle sale cinematografiche statunitensi da parte di Netflix a partire dal 6 novembre dello stesso anno, venendo poi pubblicato sulla propria piattaforma di streaming a partire dal 6 dicembre seguente.

Gli attori protagonisti sono Scarlett Johansson e Adam Driver che rivestono i panni dei due ruoli principali.

Produzione

Nel novembre del 2017 è stato annunciato che Adam Driver, Scarlett Johansson, Laura Dern, Merritt Wever e Azhy Robertson erano entrati a far parte del cast di un film scritto e diretto da Noah Baumbach, prodotto dalla Heyday Films di David Heyman e co-finanziato da Netflix, che ne avrebbe anche curato la distribuzione. Nel marzo del 2018, Kyle Bornheimer si è aggiunto al cast, seguito da Ray Liotta nel giugno dello stesso anno e da Julie Hagerty nel mese di novembre.

Le riprese del film sono cominciate il 15 gennaio 2018 e sono terminate ad aprile, tenendosi a New York e Los Angeles. Il primo trailer della pellicola è stato pubblicato online il 20 agosto 2019. In Italia, il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche dalla Cineteca di Bologna a partire dal 18 novembre 2019, venendo poi pubblicato su Netflix in contemporanea col resto del mondo. Nel gennaio 2020 è stato annunciato che il film avrebbe ricevuto una distribuzione in DVD e Blu-ray da The Criterion Collection.

Incassi e premi

Il film ha avuto un budget di circa 18 milioni di dollari e ne ha guadagnati solamente 2,3 milioni al botteghino rivelandosi un vero e proprio flop. In compenso è riuscito ad aggiudicarsi alcuni premi come l’Oscar nel 2020 come “Migliore attrice non protagonista a Laura Dern”; il Golden Globe nel 2020 come “Miglior attrice non protagonista in un film a Laura Dern”; il Premio BAFTA nel 2020 come “Migliore attrice non protagonista a Laura Dern”; il Boston Society of Film Critics Awards nel 2019 come “Migliore attrice non protagonista a Laura Dern”; il Chicago Film Critics Association Awards nel 2019 come “Miglior attore a Adam Driver”; il Gotham Independent Film Awards nel 2019 come “Miglior film”, “Miglior attore ad Adam Driver”, “Miglior sceneggiatura a Noah Baumbach” e “Premio del pubblico”; l’Hollywood Film Awards nel 2019 come “Migliore attrice non protagonista a Laura Dern” e “Miglior compositore a Randy Newman”; il Los Angeles Film Critics Association Awards nel 2019 come “Miglior sceneggiatura a Noah Baumbach”; il National Board of Review Awards nel 2019 come “Migliori dieci film dell’anno”; il New York Film Critics Circle Awards nel 2019 come “Miglior attrice non protagonista a Laura Dern”; il San Diego Film Critics Society Awards nel 2019 come “Miglior attore a Adam Driver (ex-aequo con Joaquin Phoenix)” e “Miglior sceneggiatura originale a Noah Baumbach”; il Satellite Award nel 2019 come “Miglior attrice in un film drammatico a Scarlett Johansson” e “Migliore sceneggiatura originale a Noah Baumbach”; il secondo posto al Toronto International Film Festival nel 2019 come “Premio del pubblico”; l’Independent Spirit Awards nel 2020 come “Miglior sceneggiatura a Noah Baumbach” e “Premio Robert Altman”; il Critics’ Choice Awards nel 2020 come “Miglior attrice non protagonista a Laura Dern”; infine lo Screen Actors Guild Award nel 2020 come “Miglior attrice non protagonista cinematografica a Laura Dern”.

Trama

La storia si concentra sul matrimonio tra Charlie e Nicole, alle prese con il divorzio dopo una lunga serie di avvenimenti passati che li ha portati ad allontanarsi sempre di più l’uno dall’altro. Lui è un famoso regista teatrale molto egocentrico e perfezionista, affezionato al suo lavoro più di quanto non lo sia con qualsiasi altra cosa. Ha un figlio piccolo con la moglie Nicole ed è un gran padre. Lei è un attrice di teatro e ha sempre seguito il marito nella vita fino a quando lui non ha iniziato a trascurarla come donna fino a tradirla.

I due coniugi decidono di fare per un po’ terapia di coppia ma la cosa non funziona affatto infatti ad un certo punto Nicole decide di fare qualcosa per se stessa e accetta un ruolo nell’episodio pilota di una nuova serie televisiva a Los Angeles, lascia quindi la compagnia teatrale a New York e va temporaneamente a vivere con la madre insieme al figlio. Dalla decisione della moglie Charlie si preoccupa unicamente dello spettacolo teatrale dove Nicole aveva il ruolo da protagonista e cerca in tutti i modi di salvare lo spettacolo per riuscire ad arrivare a Broadway convinto che la moglie presto tornerà da lui a New York e alla solita vita. Quando Cherlie arriva a Los Angeles per visitare Nicole e il figlio, gli vengono consegnati i documenti per il divorzio nonostante la coppia avesse deciso di non consultare avvocati, Nicole assume Nora Fanshaw, che le consiglia di trovare un avvocato anche al marito.

Da quel momento in poi le cose si complicano per la coppia e Charlie è costretto a fare i conti con la realtà dei fatti. Si incontra prima con Jay Marotta, che gli suggerisce di usare un atteggiamento più dinamico, ma alla fine opta per Bert Spitz, che favorisce invece un approccio più civile. Charlie affitta un appartamento a Los Angeles per stare più vicino alla famiglia e partecipare alla battaglia legale sulla custodia del figlio nonostante desideri evitare il tribunale. Tra Charlie e Nicole inizia così una battaglia legale che li vede corrodere il loro rapporto fino a quando entrambi non si renderanno conto che i loro avvocati stanno sollevando molta più polvere del necessario. Entrambi dovranno fare i conti con i loro sentimenti e trovare la via migliore per coesistere per il bene del figlio permettendo a entrambi di andare avanti da quel matrimonio ormai finito.

Critica

Nonostante il completo disastro al box office la pellicola è stata accolta molto positivamente dagli utenti tanto che sull’aggregatore Rotten Tomatoes il film detiene una freschezza del 95% basato su 363 recensioni dal valore medio di 8,81/10. A conferma della percezione positiva degli utenti il sito Metacritic attribuisce al film un punteggio di 94/100 basandosi su 53 recensioni professionali dal voto medio di 8,2 su 10.

Opinione personale

Ho trovato il film un tripudio di emozioni contrastanti, un’analisi dettagliata di un amore che finisce e fa soffrire nonostante la rabbia e il rimpianto. Per tutta la durata della pellicola sono stata col cuore palpitante per le innumerevoli sensazioni suscitate e per la forte immedesimazione nelle scene, è stato come provare su pelle la separazione e sperare fino alla fine – come Charlie – che le cose potessero in qualche modo risolversi ma la vita non sempre regala lieti fine.

Dire che il film sia stato bellissimo sarebbe inesatto, di bello nel racconto c’è veramente poco considerando che ho pianto come una bambina più volte nel corso della storia. Eppure non posso che dire che il film sia stato veramente bello da guardare, coinvolgente, sentimentale, struggente, vero.. Sono stata molto soddisfatta della visione e del dolore provato nelle viscere, questo significa solo che sia stato un gran film.


Non disponibile all’acquisto su Amazon.


Condividi l’articolo su Facebook o Twitter per farlo conoscere a tutti i tuoi amici, ricordati di seguirmi qui sul Blog e sulla Pagina Facebook per restare sempre aggiornato di ogni contenuto e scopri il mio account Instagram per accedere a contenuti extra in tempo reale!

Un pensiero su “Recensione: “Storia di un matrimonio” di Noah Baumbach

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...