Recensione: "La bestia non corre" e "La bestia non si ferma" di Piero Cancemi

I libri

Apparentemente presentati come due testi autonomi di narrativa, sono in realtà una successione di racconti da leggere tutto d’un fiato inerenti alla vita travagliata dello stesso protagonista Riccio alle prese con le trasgressioni che la vita gli ha dato modo di conoscere prima di incontrare la “Bestia”.

Il primo libro “La Bestia Non Corre” è stato pubblicato dall’autore nel dicembre del 2013 con la casa editrice Vertigo nella collana “Approdi” come opera d’esordio, lungo 144 pagine che racchiudono 12 racconti della vita del protagonista fino all’incontro con la “Bestia”.

Il secondo libro “La Bestia Non Si Ferma” è stato pubblicato dall’autore nel febbraio 2016 con la casa editrice Eretica Edizioni, lungo 108 pagine e contenente 10 racconti del protagonista precedenti e successivi al suo incontro con la “Bestia”

Autore

Piero Cancemi nasce a Mazara del vallo in provincia di Trapani, Sicilia, il 30 Luglio del 1983. Si trasferisce a Bologna per conseguire la laurea in “Discipline della Arti, della Musica e dello Spettacolo” nella sezione Cinema presso l’Università di Bologna. Dopo i suoi studi resta nella città e inizia presto a conseguire i suoi primi traguardi, dopo aver pubblicato il suo primo libro nel 2013 la sua carriera letteraria non fa che migliorare. L’anno successivo Piero Cancemi diventa autore presso la Community Letteraria di libera pubblicazione on-line “LOPCom”, apre un Blog di natura sociale dedicato ad arti, disabilità, dipendenze e disagi sociali. Dopo la pubblicazione del suo secondo libro anche lui non si ferma, partecipa per più anni al “Laboratorio pratico di scrittura creativa” di Gianluca Morozzi migliorando il suo stile, partecipa poi anche al “Laboratorio di sceneggiatura Televisiva” di Filippo Kalomenìdis e al “Laboratorio dal Romanzo alla Serie TV” organizzato dall’Associazione Culturale Canto 31. Nel mentre continua a scrivere e a partecipare a contest pubblicando decine di racconti e poesie per diverse antologie e case editrici.

Lo stile

I libri si articolano in racconti che non seguono un ordine preciso, la loro sequenza non è direttamente collegata ad una linea temporale o a una successione d’importanza. La storia si articola di momenti della vita del protagonista, possono essere definiti come flash della sua esperienza passata e presente che ne delineano la figura ed il carattere. Tutti sono scritti sia in prima persona che in terza alternando momenti di puro racconto a immedesimazioni dirette: Riccio racconta di se stesso e il narratore esterno gli facilita il contatto con il lettore.

Il linguaggio utilizzato è spesso rude e colloquiale, tipico della figura del protagonista che lentamente prende vita pagina dopo pagina. Tra il primo libro ed il secondo lo stile evolve con l’inserimento di molte più auto-riflessioni del protagonista stesso e citazioni.

Per scelta tutti i personaggi coinvolti hanno il nome di animali e i punti di ritrovo frequentati prendono il nome dal mondo dell’istruzione. Molti nomi fittizi sono utilizzati anche per descrivere altri dettagli, forse per non distogliere l’attenzione dal protagonista in sè o dal contenuto generale che quel determinato racconto intende fornire come morale o esperienza vissuta. Il tutto è condito da una forte emotività molto ben articolata da empatia, il lettore riesce a capire perfettamente la situazione e il punto di vista del protagonista sentendo con esattezza ciò che lui prova.

Trama

Entrambi i libri, come già detto, seguono le vicissitudine del protagonista Riccio dapprima ragazzino alle prese con una vita priva di limitazioni fino a quando non si trova adulto a fare i conti con le ripercussioni delle sue scelte. Sin da subito si capisce che qualcosa non va considerando che la storia si apre in un presente dove Riccio è costretto a gravi problemi motori che gli impediscono di camminare senza stampelle e poi successivamente obbligato su sedia a rotelle. Fin dalle prime righe emerge con prepotenza la personalità del protagonista che pare fregarsene delle regole e vive la propria vita alla giornata.

Cercando di fare chiarezza nel mare-magnum di cose di cui si parla, Riccio da ragazzino gode a pieno della sua gioventù, frequenta amici poco responsabili e insieme a loro si diverte a consumare molteplici droghe. Non si pone il minimo scrupolo ad utilizzare le donne come meri oggetti del piacere con cui avere rapporti occasionali e privi di ogni legame sentimentale, il ragazzo è spesso annebbiato dagli effetti di alcol e droghe di cui fa regolare uso e che lo portano a vivere esperienze molto intense di divertimento del tutto illegale. Inizialmente con il gruppo di amici d’infanzia nel suo paese natio, Riccio spaccia, esce e conosce persone sempre nuove senza farsi mancare mai l’occasione di eccedere in tutto quello che fa. Se agli inizi riesce a moderarsi e controllarsi, lentamente i suoi limiti svaniscono minando fortemente la sua salute: mix pericolosi di droghe ingerite, incidenti d’auto, problemi con le autorità e tutto quello che una vita spericolata comporta.

Lentamente però si rende conto che la vita che sta conducendo non potrà continuare per sempre, il suo corpo lentamente lo abbandona dopo essere stato usato al limite del consentito per troppo tempo. Crescendo dovrà decidere se prendere distanze da quella che lui considera una libertà per poter vivere più a lungo insieme alla bestia che ha deciso di sbarrargli la strada o se vivere a pieno il tempo che gli resta senza mai dover rinnegare la persona che realmente è.

Opinione personale

Partendo dal presupposto che non sono un’amatrice di contenuti così strettamente legati a certe tematiche come le droghe e le vite vissute al limite, devo però ammettere che la lettura è stata formidabile. Se col primo libro ho impiegato più tempo per prendere confidenza con i contenuti molto forti e con una serie di impegni che mi hanno costretto a tenermi lontana dalla lettura, una volta iniziato sono stata letteralmente ossessionata dal racconto. Più le parole entravano nel mio cervello e più io sentivo la carnale necessità di sapere di più, sapere cosa sarebbe successo dopo, cosa ancora avrebbe fatto Riccio e in quale assurda situazione si sarebbe messo (ovviamente dico assurdo per me che conduco una vita totalmente estranea a questo genere di esperienze ma che non sono poi così assurde nel normale divertimento giovanile). Leggere i due libri è stato un viaggio verso qualcosa di profondo, di intenso e vero che non posso certo dimenticare con facilità.

Ammetto che ci sono state alcune cose che non ho apprezzato, cavilli di stile e scelte di contenuto che avrei preferito diverse ma in questo entra in gioco la mia personalissima opinione da lettrice esigente. Devo però dire che il tutto funziona, la lettura scorre veloce e la voracità di sapere aumenta la passione che caratterizza le due opere. Molteplici sono le domande che ancora mi girano per la mente e di cui mi piacerebbe avere risposta in un altro libro, magari ponendo maggiore attenzione a tutti personaggi citati che spesso non si capisce se siano fondamentali o meno.

Sicuramente sono stata molto più che soddisfatta dalla lettura, apre la porta ad un mondo che non tutti possono comprendere con una semplicità che è quasi disarmante.


Per acquistare da Amazon:

  • “La Bestia non corre” libro in formato cartaceo flessibile – prezzo di copertina €13,00
  • “La Bestia non si ferma” libro in formato cartaceo flessibile – prezzo di copertina €13,00

Condividi l’articolo su Facebook o Twitter per farlo conoscere a tutti i tuoi amici, ricordati di seguirmi qui sul Blog e sulla Pagina Facebook per restare sempre aggiornato di ogni contenuto e scopri il mio account Instagram per accedere a contenuti extra in tempo reale!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...