Recensione: “Richard – Missione Africa” di Toby Genkel e Reza Memari

Il film

“Richard – Missione Africa” è una pellicola d’animazione digitale realizzata tra Lussemburgo, Belgio, Germania, Norvegia e Stati Uniti nel 2017 con il titolo originale “Richard the Stork” (in tedesco: “Überflieger – Kleine Vögel, großes Geklapper”). Diretta da Toby Genkel e Reza Memari, un film comico dalla durata di 85 minuti la cui sceneggiatura è stata affidata a Cooper Kramer. Produtto da Kristine Knudsen per la Den Siste Skilling, la Knudsen & Streuber Medienmanufaktur, la Mélusine Productions, la Ulysses Filmproduktion e la Walking The Dog. In Italia la distribuzione è stata affidata a M2 Picures che ha diffuso il film nelle sale cinematografiche a maggio 2017.

Film d’animazione disponibile all’acquisto sulla piattaforma Amazon.it sia in formato DVD a €9,99 che in formato BlueRay ad €11,70.

A dare voce italiana ai personaggi principali della storia occorre citare Lorenzo D’Agata, Daniela D’Angelo, Oreste Baldini, Andrea Lavagnino, Rachele Paolelli, Alessio Puccio, Stefano De Sando, Oliviero Dinelli, Luigi Ferraro, Alessandro Budroni e Dario Oppido.

Disponibile su Amazon Store

Formato DVD €9,99
Formato Blue Ray€11,70

Produzione e distribuzione

Lo Studio Rakete di Amburgo e lo Studio 352 in Lussemburgo hanno creato gli storyboard. Lo Studio Rakete è stato responsabile dei disegni dei personaggi principali mentre lo Studio 352 si è occupato del disegno dei personaggi secondari. La maggior parte dell’animazione dei personaggi è stata realizzata da queste aziende e dalla Bug AS di Bergen, in Norvegia. La composizione delle immagini finali e gli effetti visivi sono stati realizzati dalla Walking the Dog del Belgio e dalla Rise FX della Germania.

La pellicola è stata presentata al Berlin International Film Festival il 12 febbraio 2017 ed è uscita nei cinema nei mesi successivi. Negli Stati Uniti il film è stato distribuito da Lionsgate a partire dal 30 giugno 2017 mentre in Italia è uscito nei cinema il 10 maggio 2017 per M2 Pictures.

Incassi e premi

A fronte di un budget di realizzazione di 10,8 milioni di dollari, il film è riuscito ad incassare a mala pena 13,9 milioni di dollari al botteghino coprendo i costi e definendosi un colossale flop. Nonostante questo è stato nominato nel 2017 al Shanghai IFF Golden Goblet come “Miglior film d’animazione”, al Cartoon Movie European come “Produttore dell’anno” e al Berlinale Crystal Bear come candidato al premio. Oltre a queste nomine, nel 2017, è riuscito a portarsi a casa i premi al Luxembourg City FF Kids Festival come “Miglior film preferito”, al Buenos Aires FF Young Audience il premio come “Miglior film” e nel 2018 anche il premio come “Miglior film per bambini e ragazzi” al Bavarian Film.

Trailer

Trama

Il film si concentra sulla vita di Richard, un piccolo passero rimasto orfano che viene adottato e cresciuto da un gruppo di cicogne. Crescendo il piccolo uccellino si convince di essere anch’egli una cicogna ma purtroppo per anatomia ed esigenze fisiche lui e la sua “famiglia adottiva” sono molto diversi. Richard si affeziona molto al fratello Max, figlio naturale delle due cicogne che lo stanno aiutando, e si sente parte integrante di quel nucleo familiare che non lo potrà mai accettare fino in fondo per il suo bene.

Quando infatti arriva il periodo di migrazione verso sud per le cicogne, Richard viene escluso dai preparativi perché non è un uccello migratore e perché il viaggio lo stremerebbe al punto da mettere in pericolo la sua vita. A malincuore Max e la mamma decidono di assecondare il volere del padre, capofamiglia, nonché capo dello stormo di cicogne e partono senza il piccolo passero. Quando però Richard si sveglia e comprende l’accaduto inizia una ricerca folle della sua famiglia ma non ha senso dell’orientamento e di perde nei boschi dove viene trascinato da folate di vento intenso e precipita a terra. A trovarlo è Olga una bizzarra Gufa strampalata e solitaria che parla col suo amico immaginario Oleg e che decide di aiutarlo nella sua missione di raggiungere l’Africa per ritrovare la sua famiglia. Da quel momento i due inizieranno un lungo viaggio sia geografico che personale che li condurrà dall’altra parte del mondo e che li farà crescere mettendoli alla prova con divertenti quanto difficili prove.

Richard vuole a tutti i costi ritrovare la sua famiglia ed è disposto a tutto pur di riavere indietro l’affetto dei suoi cari, ha un grande cuore ed è speranzoso di riuscire a fare sempre la differenza anche quando tutto sembra essere perduto. Quello che deve imparare a capire è che non è mai stato solo e mai lo sarà con i nuovi amici che ha modo di trovare lungo il suo percorso.

Critica

Per quanto bizzarro possa sembrare la pellicola non è stata recensita sul sito di Rotten Tomatoes, questo perché con le ingenti somme spese per la realizzazione, è stato speso pochissimo per il marketing e questo ha portato la pellicola ad essere molto anonima nel mondo del cinema. Allo stesso modo sul sito Metacritic non è neppure presente l’anagrafica del film.

Opinione personale

Ho guardato il film con mio nipote di sette anni e devo dire che per molti aspetti sono stata contenta della scelta. La pellicola sa essere molto toccante e divertente per molti aspetti, offre molti punti di riflessione sia per adulti che per piccini e in generale nel cliché della storia narrata vengono offerti moltissimi elementi innovativi analizzati da punti di vista completamente differenti che sono come un dolce ben riuscito alla fine di un pasto tradizionale. La grafica è impeccabile e piacevole da fruire, la storia sufficientemente leggera e adattabile a tutte le età confermando quanto detto: è un film adatto ad essere guardato da tutta la famiglia.

Mi dispiaccio solamente che sia stato poco conosciuto e diffuso nonostante non sia una pellicola che i abbia lasciato enormi emozioni dopo la sua fruizione. Ammetto di essere soddisfatta ma non completamente, ho apprezzato la visione ma non lo riguarderei. Un’aspetto invece che ho saputo apprezzare moltissimo e che mi ha fatto aumentare la valutazione della pellicola è il personaggio di Olga, molto problematico ed emblematico, evidentemente segnato da traumi infantili che si riscopre nel corso del film e lo caratterizza di profondità.

Disponibile su Amazon Store

Formato DVD €9,99
Formato Blue Ray€11,70

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...