Recensione: “Lockdown con Lou” di Jojo Moyes

“Lockdown con Lou” è un brevissimo libro pubblicato dall’autrice unicamente in formato digitale il 21 luglio 2020 con il titolo originale “Lockdown with Lou” e con la casa editrice Mondadori nella sua versione italiana tradotta da Maria Carla Dallavalle. Il testo si compone di sole 38 pagine e segue le vicende di Louisa Clarke nota per la saga di “Io prima di te”, “Dopo di te” e “Sono sempre io”.
Una lettura stupenda che purtroppo è durata troppo poco, non ho avuto nemmeno il tempo di assaporare la bellezza delle vicende nel loro humor e nella loro profondità emotiva che ero già alla fine del libro – se così vogliamo chiamare 38 pagine di racconto. Tante sono le emozioni suscitate in così poco tempo, molte sono le allusioni che tornano alla mente del periodo che abbiamo vissuto tutti e che ci a condizionato notevolmente la vita mettendo tutto in pausa. Cosa posso aggiungere se non che mi è piaciuto tantissimo. Continua a leggere Recensione: “Lockdown con Lou” di Jojo Moyes

Recensione: “Le melodie della tempesta” di Enrico Pedace

Il romanzo è l’opera d’esordio dello scrittore, pubblicato con la casa editrice Pubme nella collana rosa “Un cuore per capello” il 23 aprile 2020. Un testo di contemporary romance, della lunghezza di 256 pagine che comprendono 8 capitoli e la cui copertina è stata affidata ad Angel Graphics e che racconta delle vicissitudini di un uomo alle prese con una passione che non si aspettava e che lo travolge come una tempesta.
Una lettura a cui sicuramente non ero pronta, uno stile che non mi appartiene ma che mi ha fornito innumerevoli spunti di riflessione. Ho apprezzato la genuinità con cui l’autore ha messo a nudo se stesso pur articolando una storia di fantasia. Continua a leggere Recensione: “Le melodie della tempesta” di Enrico Pedace

Recensione: “Zodiac” di David Fincher

“Zodiac” è un film thriller biografico del 2007 diretto da David Fincher, tratto dalla omonima serie di libri di Robert Graysmith dedicati al serial killer statunitense denominato “Killer dello Zodiaco” che negli anni sessanta e settanta sconvolse la città di San Francisco (California). Una pellicola della durata di 157 minuti presentata in concorso al 60º Festival di Cannes, tenutosi tra il 16 maggio e il 27 maggio 2007.
Devo dire di essere stata piacevolmente affascinata dalla pellicola che è stata in grado di trasmettermi forti emozioni sin da subito soprattutto in merito all’ossessione di voler a tutti i costi riuscire a dare risposta a tutti i quesiti che Zodiac ha sollevato nel corso del tempo. Per quanto mi aspettassi che le scene fossero più orientate al punto di vista del Killer riuscire a entrare così approfonditamente nella mente di chi ha investigato e di chi si è trovato a perdere tutto per colpa dell’ossessione mi ha lasciato comunque soddisfatta. Continua a leggere Recensione: “Zodiac” di David Fincher

Recensione: “Attenti a quelle due” di Chris Addison

“Attenti a quelle due” è una pellicola del 2019 realizzata col titolo originale “The Hustle” e diretta da Chris Addison. Nata come remake al femminile del film del 1988 “Due figli di…” diretto da Frank Oz a sua volta remake del film “I due seduttori” del 1964 diretto da Ralph Levy. Una commedia statunitense diffusa nei cinema italiani il 16 maggio 2019 da Eagle Picture, della durata di 94 minuti consigliata ad un pubblico misto di famiglie e ragazzi 13+.
Se da un lato ho apprezzato moltissimo la comicità e la leggerezza del film dall’altro lato ho disprezzato la quasi totale mancanza di trama che a lungo andare annoia la visione. Per quanto io sia una grandissima fan delle opere dell’attrice Rebel Wilson non posso dirmi soddisfatta di questo film che non riesce a superare la soglia di mediocrità. Continua a leggere Recensione: “Attenti a quelle due” di Chris Addison

Recensione: “Ballerina” di Eric Summer e Éric Warin

La pellicola d’animazione “Ballerina” è stata realizzata nel 2016 in lingua inglese, diretta da Eric Summer e Éric Warin tra Francia e Canada. Il film è stato diffuso in tutto il mondo col suo titolo tranne che negli Stati Uniti d’America dove gli è stato attribuito il titolo di “Leap!”.
In Italia la pellicola è stata distribuita da Videa il 16 Febbraio 2017 mentre in Francia e Canada il film era già stato proiettato nelle sale cinematografiche il 14 dicembre 2016. Per la sua diffusione negli Stati Unti occorre invece aspettare fino al 25 agosto 2017.
Per quanto vi siano stati alcuni passaggi che ho saputo apprezzare, in generale la pellicola arriva fino ad un certo punto e non si sbilancia troppo. La storia narrata è piena di cliché privi d’innovazione, alcune assurdità vengono lasciate al tempo che corre e non vengono contestualizzate.
Moltissime sono le cose che non mi hanno convinta, questa forzatura nel dover dimostrare che tutto possa andare bene, che i sogni possano essere ottenuti anche con mezzi discutibili.. No. Non ci sto. Continua a leggere Recensione: “Ballerina” di Eric Summer e Éric Warin

Recensione: “Boygirl – Questione di.. Sesso” di Nick Hurran

“BoyGirl – Questione di.. Sesso” è una commedia sentimentale del 2006 diretta da Nick Hurran sul soggetto e la sceneggiatura di Geoff Deane. Realizzata con il titolo originale “It’s a Boy Girl Thing”, tra Stati Uniti d’America e Canada, per la durata di 95 minuti totali. Un film prodotto da Steve Hamilton Shaw, David Furnish e Martin Katz, distribuito nelle sale cinematografiche italiane da Eagle Pictures il 23 Novembre 2007.
Uno dei miei film preferiti in assoluto, lo avrò guardato come minimo un centinaio di volte e ancora non riesco a stancarmi della sua ironia e della sua dolcezza. Una storia ormai vista e rivista in moltissimi altri contenuti simili ma che in “BoyGirl – Questione di… Sesso” riescono a evolvere in qualcosa di unico nel suo genere. Tantissimi sono i cliché ed i “già visti” presenti nella storia eppure la passione con cui sono stati realizzati porta l’osservatore ad andare ben oltre a quello che potrebbe pensare perché la visione si insinua ad un livello più profondo nella pancia di chi guarda. Continua a leggere Recensione: “Boygirl – Questione di.. Sesso” di Nick Hurran

Recensione: “Ad un solo passo da te” di Amabile Giusti

Ultimo lavoro dell’autrice calabrese, “Ad un solo passo da te” è stato pubblicato il 28 luglio 2020 con Amazon Publishing e diffuso sulla piattaforma di Kindle Unlimited come tutti i precedenti lavori di Amabile Giusti. Il libro è lungo 485 pagine che comprendono ben 16 capitoli corposi con esclusione di “Introduzione” ed “Epilogo”.
Non voglio dovermi ripetere per ogni recensione eppure c’è qualcosa nei racconti di Giusti che mi tocca corde intime e mi fa vivere coi personaggi quelle forti emozioni a cui spesso tendo a soccombere facendomi trascinare nella perdizione. I personaggi delle storie narrate dall’autrice sono reali, talmente reali da parere quasi veri, tangibili, concreti. Ogni storia ha una tale nitidezza da creare immagini nitide nella mente del lettore che continua a viverle anche finita la lettura come se fossero dei ricordi vissuti in prima persona che non spariscono dal vissuto e ti mandano letteralmente in pappa il cervello.
Grazie Amabile Giusti per le emozioni che mi regali ogni volta e per la grandezza delle storie d’amore che racconti. Mi fanno vivere vite stupende di perfetti sconosciuti che ben presto diventano parte di me e del mio vissuto! Continua a leggere Recensione: “Ad un solo passo da te” di Amabile Giusti

Recensione: “Richard – Missione Africa” di Toby Genkel e Reza Memari

“Richard – Missione Africa” è una pellicola d’animazione digitale realizzata tra Lussemburgo, Belgio, Germania, Norvegia e Stati Uniti nel 2017 con il titolo originale “Richard the Stork” (in tedesco: “Überflieger – Kleine Vögel, großes Geklapper”). Diretta da Toby Genkel e Reza Memari, un film comico dalla durata di 85 minuti la cui sceneggiatura è stata affidata a Cooper Kramer. Produtto da Kristine Knudsen per la Den Siste Skilling, la Knudsen & Streuber Medienmanufaktur, la Mélusine Productions, la Ulysses Filmproduktion e la Walking The Dog. In Italia la distribuzione è stata affidata a M2 Picures che ha diffuso il film nelle sale cinematografiche a maggio 2017.
La pellicola sa essere molto toccante e divertente per molti aspetti, offre molti punti di riflessione sia per adulti che per piccini e in generale nel cliché della storia narrata vengono offerti moltissimi elementi innovativi analizzati da punti di vista completamente differenti che sono come un dolce ben riuscito alla fine di un pasto tradizionale. La grafica è impeccabile e piacevole da fruire, la storia sufficientemente leggera e adattabile a tutte le età confermando quanto detto: è un film adatto ad essere guardato da tutta la famiglia. Continua a leggere Recensione: “Richard – Missione Africa” di Toby Genkel e Reza Memari

Recensione: “La nebbia” di Christian Torpe

La nebbia” è una serie televisiva del 2017 realizzata col titolo originale “The Mist”, diretta da Christian Torpe negli Stati Uniti d’America, composta da una singola stagione di 10 episodi e basata sul romanzo thriller di Stephen King. Andata in onda per la prima volta il 22 giugno 2017 dall’emittente televisiva Spike e poi trasferita sulla piattaforma di streaming a pagamento Netflix a partire dal 25 agosto dello stesso anno. Putroppo, al termine della prima ed unica stagione, la storia rimane priva di un finale e viene sospesa la produzione di un sequel.
Diciamo bene che mi sarei aspettata altro ma non sono nemmeno da considerarmi delusa della visione, non capisco come tanti utenti ne abbiano definito una tale catastrofe, forse si sarebbe potuto fare di più ma non si può dire che non sia qualcosa di funzionale soprattutto per quanto riguarda la lentezza di racconto che rende perfettamente l’idea di logoramento e di tempo estenuante trascorso in sopravvivenza all’interno di questa nebbia oscura e misteriosa.

Continua a leggere Recensione: “La nebbia” di Christian Torpe

Recensione: “Fobia d’amore” di Billy Bollo

“Fobia d’amore” è un libro di 49 capitoli esclusi prologo ed epilogo, pubblicato dall’autrice Billy Bollo a maggio 2020 con la casa editrice Independently published e composto da oltre 500 pagine di testo.
I personaggi non sono molto stabili sotto un punto di vista psicologico e i dialoghi tendono ad essere molto irreali nel loro realizzarsi, la velocità con cui tutto si realizza non è coerente con il background narrativo, i personaggi sono molto infantili nonostante l’età, i punti focali della narrazione tendono a modificarsi troppo spesso e l’insistenza con cui ogni cosa si voglia unire insieme in definizione di un pian del destino così marcato è quasi stancante. Continua a leggere Recensione: “Fobia d’amore” di Billy Bollo